Cenni storici - Paros

RICERCA HOTEL


Arrivo
Partenza

Info utili:

alcune informazioni pratiche utili per visitare Paros

Leggi »

News

Assistenza Clienti

Assistenza Clienti


Cenni storici:

La storia dell'isola - che da quanto documentato dal sito archeologico Saliagos, sembrerebbe fosse già abitata circa 3500 anni fa (quando, probabilmente era un'unica isola con la vicina Antiparos) - è millenaria.
Divenuto presto un importante ed attivo centro agricolo, nel periodo 700-480 a.C., Paros, colonizzò l'isola di Thassos e si assistette al un periodo d'oro della cava di marmo di Marathi e dei laboratori di scultura. Il culmine dello sviluppo, in ogni ambito, si ha tra il 480 ed il 323 a.C, quando raggiunge l'apogeo artistico quando dall'estro dei suoi artisti uscirono capolavori come la statua della 'Nike', ora conservata al Museo di Louvres, il Tempio di Apollo (a Delios) ed il tempio di Esculapio sito a sud di Parikia.

Il declino inizia nel 167 a.C. quando l'isola diventa terra d'esilio.
Dal 330 al 1204 d.C. con l'avvento del cristianesimo fioriscono le architetture religiose. Tra queste spicca la chiesa della Vergine Maria Ekatontapiliani di Parikia.
Gli anni che vanno dal 1207 al 1537 sono conosciuti come l'epoca veneziana in quanto l'isola, divenuta parte del Ducato dell'Egeo, fu governata dalla famiglia dei Sanudo che portarono il marmo greco a Venezia.
Con la caduta di Venezia e l'arrivo dei pirati iniziò, in Grecia, l'occupazione turca e le guerre con la Russia (che stabilì alcune basi sull'isola).
Nel 1821 la Grecia ottiene l'indipendenza e Paros, come tutte le altre isole, entra a far parte della repubblica ellenica.
Con lo scoppio della seconda mondiale, Paros, vive anni bui, segnati dalla mancanza di lavoro e da uno sviluppo pari a zero.
Tutto cambia dagli anni '70 quando questa splendida isoletta viene "scoperta" e vive una straordinaria rinascita economica basata sul turismo.